mercoledì 13 giugno 2012

Correre in un'altra dimensione: Amersfoort Meeting

Sottomesso da Giulio Cesare nel I secolo a.C., il sud dei Paesi Bassi (Olanda) costituì la frontiera del mondo romano fino alla disgregazione dell'Impero.

Ispirati da questi gloriosi trascorsi, fieri e degni ambasciatori della storia della Capitale, 5 atleti della Lazio Runners Team sono piombati inesorabilmente nel panorama podistico olandese, precisamente ad Amersfoort, borgo medievale di circa 150.000 abitanti nella provincia di Utrecht. L'evento per i nostri prodi era di quelli da non perdere, una manifestazione che si svolge ogni 3 anni e che presentava al via oltre 4500 runners distribuiti sulle distanze dei 5km, 10km, mezzamaratona e maratona, ma soprattutto un'intera città pienamente coinvolta nell'evento ed un'organizzazione impeccabile. Infatti, l'approccio alle manifestazioni sportive in ambito mitteleuropeo è ben diverso dal nostro, qui la filosofia del "sacchettaro" non esiste e le categorie d'età sono semplicemente 2 (under e over 40 anni), qui si corre per passione, per salute, per fare festa!!!!!
Arriviamo nell'ottimo NH hotel alla spicciolata e da varie parti d'Europa, I Rea ad ora di pranzo dall'Italia, Claudio in auto da Bruxelles, Leonardo con un volo da Londra mentre chi vi scrive in tarda serata con l'ultimo volo da Roma. Al nostro arrivo a colpirci immediatamente è l'efficienza e la puntualità dei collegamenti ferroviari olandesi e la mole di biciclette in uso nella terra dei tulipani.
Il sabato mattina ci ritroviamo tutti per l'abbondante colazione e per l'immancabile gita ad Amsterdam che dista appena una 50ina di km da Amersfoort. Il tempo è clemente e la giornata trascorre piacevolmente quanto velocemente tra una passeggiata e un giro in battello. Poco dopo le 18.00, rientrati alla base, siamo pronti per immergerci nei campionati europei di calcio (gioca l'Olanda!!!) e nelle pinte di birra!!! Individuato l'unico pub nel quale è stato possibile entrare (gli altri erano troppo pieni) socializzando con i tifosi e le tifose orange, spazzoliamo come aperitivo pinte di birra (tranne i Rea che sono astemi!!!!!) e montagne di nachos alla cipolla giusto per fare vita da atleti.......purtroppo l'Olanda perderà e di conseguenza niente festa con le tifose......
Non soddisfatti, al fischio finale ci sediamo nel miglior ristorante di Amersfoort per consumare una buona quantità di carne ben lungi dall'essere entrati nel classico clima pre-gare. Alle 20.45 scendono in campo Germania-Portogallo ed uno dei pub precedentemente stracolmo, dotato di megaschermo, si è svuotato, quindi? Via a vedere anche questo match trangugiando birra! A questo punto l'unico di noi con serie possibilità di podio (Fabio) decide di preservare le energie, rientrando in hotel, per il giusto riposo d'atleta (tecnica l'indomani che pagherà buoni dividendi). Sul prosieguo della serata dei 3 baldi aquilotti rimasti a "Bobboviereggiare" (termine coniato in onore delle note serate brave dell'ex calciatore Bobbo Vieri) è stato apposto il segreto di Stato, amovibile solo tra 50 anni insieme a quello sui dossier di Ustica e del caso Moro........
Finalmente giunge il giorno della gara....la mezza maratona parte alle 10.00, la 5km alle 10.15, mentre la 10k nel pomeriggio alle 15.00. Sveglia alle 7.00, alle 8.00 ritiro pettorali, rientro in hotel per espletare le ultime pratiche fisiologiche, e siamo in area partenza. La mezza e la 5km hanno 2 punti di partenza diversi mentre l'arrivo è unico per tutte le distanze. I nostri 2 mezzi-maratoneti (Leonardo e Claudio) dopo un brevissimo riscaldamento si posizionano, a mio avviso peccando di umiltà, al centro degli oltre 2000 runners schierati al via, questo costerà loro una ventina di secondi sul tempo finale......nel frattempo, partendo la mia gara 15' dopo, continuo il riscaldamento recandomi al via della 5km. In partenza con sorpresa noto un gran numero di atleti (quasi 1000, insolito per una gara secondaria) ed in particolare adocchio subito in prima fila un gruppetto di imberbi diciottenni con scarpe A1 e completini di importanti società d'atletica delle principali città olandesi....brutto segno! Venendo alla mera cronaca: dopo una falsa partenza, ci lanciamo a razzo sul breve rettilineo che precede un lungo anello che costeggia il centro città e il canale principale. In partenza mi passano almeno in 20 facendomi dubitare del pronostico espresso alla vigilia (almeno nei primi 10). Ai 500mt passo in 1'43'' ed al 1000 in 3'33'', risucchiando una parte dei temerari partiti troppo forte. Al 2000 che chiudo in 3'39'', tra ali di folla che incitavano i runners, ipotizzo di essere già 6° o 7° e punto, davanti a me, un atleta di cui poco dopo prendo la scia.
A questo punto succhio le sue ruote e prendo un po' di fiato passando al 3000 in 3'40''. Il 4km continua sulla falsa riga del precedente con la sola differenza che il mio rivale, forse stufo di avermi attaccato dietro, dopo un paio di cambi di ritmo rallenta sensibilmente facendomi passare avanti. Io non abbocco e resto affiancato e chiudendo il km più lento a 3'42''. Tuttavia faccio i conti senza l'oste poichè, il tipo, sapendo che poco dopo il 4° km ci sarebbe stata una deviazione a dx (comunicata in olandese alla partenza) mi si mimetizza nel gruppo di coda della gara della mezza-maratona che nel frattempo avevamo raggiunto. Clamoroso al Cibali olandese!!!!! Lui svolta repentinamente a dx mentre io come un pollo amadori tiro dritto sbagliando strada.......il tempo di rendermi conto e tornare indietro mi fa perdere 50mt a meno di 1000mt dall'arrivo. Reagisco rabbiosamente, anticipo la volata e mi riporto sull'avversario, vorrei fargli lo sgambetto per compensare il danno subito ma decido nuovamente di succhiargli le ruote, non so quanto manca all'arrivo ma temo di pagare lo sforzo. Proprio quando mi aspettavo l'attacco, inaspettatamente, sull'unica piccola asperità del tracciato, una breve salita, durante la quale tengo alto il ritmo, il mio avversario cede di schianto lasciandomi percorrere senza troppi problemi gli ultimi 500mt che mi separano dal traguardo. Alla fine sarò 4° assoluto e soddisfatto con il tempo ufficiale di 17'04'', e primo dei non premiati!!!
Il mio arrivo in solitaria....
Nel frattempo la mezza-maratona, inspiegabilmente lunga 21.480 mt, è in pieno svolgimento, e durante qualche km di scarico percorro a ritroso il tracciato di gara per incoraggiare gli altri, Leonardo chiuderà 15° assoluto su 1961 giunti al traguardo penalizzato da un dolore al fianco negli ultimi km ma cmq ad un'ottima media di 4'02''/km che in proiezione sulla distanza esatta avrebbe dato 1h 25' 00'' , buono anche il piazzamento di Claudio Feliziani in vista della mezza di Amburgo, giunto 168° in 1h41'.
Al traguardo i 2 fratelli Rea, emuli del celebre papà, scattano foto per gli annali. Alle 15.15 prendono il via gli oltre 1700 partenti della 10km che vede in prima fila la nostra punta di diamante biancoceleste Fabio Rea, con al fianco l'inseparabile fratello Giampiero. Il sottoscritto, indegnamente, si piazza in posizione per scattare loro delle foto (stessa cosa farò al traguardo) per poi recarsi all'arrivo ad attendere  il nostro pretoriano della lazialità intento a riconquistare l'Olanda. Fabio finirà splendidamente, gli oltre 10.100mt, al 2° posto in 34'39'' ripreso da telecamere della televisione durante lo sprint vincente all'arrivo, Giampiero chiude ottimamente 85° su 1723 arrivati. In conclusione è stato un bellissimo weekend di sport e divertimento, immersi in una cultura da ammirare e in ottima compagnia. probabilmente dopo Orbetello e Amersfoort si son poste le basi per la "Sezione LRT World" da sottoporre all'approvazione del prossimo Direttivo!!!! Quello che ha davvero impressionato è stata la partecipazione del pubblico, che durante tutto il percorso delle gare ha incitato sorridente gli atleti. Da segnalare anche la bellezza del percorso della mezza-maratona che, seppur duro, è piaciuto a tutti, peccato solo che fosse + lungo di oltre 300mt!
W lo sport, W l'atletica e W la LRT World!!!!!!

14 commenti:

  1. 17x5km proprio niente male

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nino ma erano un po' meno, cmq ho tenuto 3'33''/km di media che mi soddisfa!

      Elimina
  2. me ne ha parlato mesi fa Un amico di Roma...che credo sia anche nell'organizzazione...
    da provareeeee :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per il commento! Infatti c'era un altro gruppo di Roma facente capo al negozio Footworks. Il fatto è che preferisco organizzarmi i viaggi da solo, spendo meno e sono più efficiente!!!!

      Elimina
  3. Me so letto tutto de corsa, me pare na telecronaca de Nando Martellini! Bel resoconto, ma quei 4 secondi però....
    ...SCHERZOOOO!!!!!!! :D
    Bravissimo Luca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gianlù, ma devo fare alcune precisazioni:
      1. quello ad essersi meritato i complimenti nel weekend sei tu, GRANDE 70.3!!!
      2. ho sbagliato strada altrimenti era sicuro 16.59!!!!
      3. ovviamente non erano 5000mt ma qualcosa meno, tuttavia il 3'33''/km di media mi soddisfa!

      Elimina
  4. manco stavolta sei finito nei primi 3 ...basta il lunedì con te non ci corro +

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giancà, e pensare che mi ero "capato" dal mazzo questo 5000mt sulla base delle classifiche dell'ultima edizione che era stata vinta con 17'42''!!!! Quest'anno i primi 3 hanno chiuso tra 15'37'' e 16'16''!!!!! Non vinceva nemmeno Pollastrini!

      Elimina
    2. Vabbè Pollastrini non ha vinto manco all'acorp

      Elimina
    3. Certo gli dici male!!!! Arriva sempre 2°!!! Ma dimmi la verità, un pensierino al cocomero, visto che è una mission impossibile causa infortunio, ce lo stai facendo vero?

      Elimina
  5. Ormai sei come il film di Verdone : TROPPO FORTE...!!!
    Per vederti se corriamo insieme mi ci vuole solo il binocolo....!!!
    ... pero' a Frascati, se vengo, dico 15-20"....!!!!! ;D

    RispondiElimina
  6. Le tue strategie di gara sono sempre lucide e spietate: chi ti vede dallo specchietto retrovisore negli ultimi 500-700 metri, non ha speranze e dovrebbe sapere che il sorpasso e' inesorabile.

    Grande racconto, coach, hai reso benissimo il senso goliardico-sportivo della trasferta. Certo, se avessimo mangiato un po' meglio e bevuto meno birrozze, sarebbe andata meglio.

    A Nottingham, pero', ti costringero' ad un rigido regime alimentare pre-gara: basta nachos, noccioline, birre, carni, dolci, etc.etc.

    Ci vediamo domani in terra sicula, ovviamente porto le scarpe da corsa per una sgambata sul mare (il medico ieri mi ha dato il via libera)! Qui in UK piove, piove e piove...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In sicilia avremo 35° ma correremo all'ombra dei peloritani in tardissimo pomeriggio rinfrescati dalla brezza marina! Portati pure il costume e occhialetti/maschera!!!

      Elimina